Smartourism all’ Università Bocconi

Smartourism all’ Università Bocconi

Novembre 18, 2014 journal, Slider Homepage

Quali sono le sfide e le opportunità attuali nel destination management? Cosa significa innovazione nel turismo? Come misurare il successo di iniziative di destination marketing? Queste alcune delle tematiche portate in aula da Smartourism e discusse con gli studenti del corso “Innovation in Services” dell’Università Luigi Bocconi. Un appuntamento che si rinnova ormai da 8 anni e un momento di confronto per discutere progetti di successo ideati ed implementati dal network Smartourism.

Con il continuo aumento della pressione competitiva e l’emergere di nuove destinazioni sullo scacchiere globale, le tradizionali destinazioni “community” italiane stanno perdendo quote di mercato. Questo fenomeno è comune a tutte le tradizionali mete di vacanza mediterranee, ma l’Italia perde in percentuale più dei competitor quali Francia, Spagna e Grecia.

La necessità di una promozione sistemica della marca Italia e delle sue destinazioni è una risposta ormai ridondante che amministrazioni locali, regionali e centrali danno alla perdita di competitività del sistema Italia. Ma la pratica non è così scontata.

Smartourism nasce per colmare questo gap tra teoria e prassi con il modello A.S.R., approccio innovativo al destination management, ideato e implementato da oltre 8 anni su importanti destinazioni italiane.

L’integrazione di nuove tecnologie, la pianificazione di contenuti originali concepiti in funzione delle esigenze del turista, la messa in rete di operatori locali, il coordinamento delle informazioni e dei messaggi su tutti i canali online e offline disponibili e la misurazione dei risultati sono i pilastri del modello A.S.R., che hanno fatto del progetto di destination management a Mantova un caso di successo italiano. La best practice mantovana, ideata e progettata dal 2005, è stata poi estesa ad altre destinazioni, a conferma della scalabilità del modello. Tra le destinazioni che hanno adottato l’approccio di destination management ideato ed implementato dal network Smartourism figurano: il sistema Po di Lombardia (2008), la Provincia di Cremona (2009) e, soprattutto, il progetto Trame di Lunigiana (2014), vincitore del Corso ARS – arte che realizza occupazione sociale – e del premio da 1 milione di euro messo in palio dalla Fondazione Italiana Accenture.

Il messaggio condiviso in aula è semplice ed efficace: innovazione nel turismo significa gestire e coordinare l’unicità che ogni territorio vuole comunicare ai suoi mercati, significa utilizzare in modo integrato le soluzioni tecnologiche esistenti (web, applicazioni mobile, punti informativi in loco, intranet, ecc.) per mettere in rete l’offerta di fornitori eterogenei e competere con una strategia che massimizzi i risultati delle attività di marketing.

Nicoletta Corrocher, titolare della cattedra di “Innovation in Services”, dice “Portare in aula l’esperienza di testimoni esterni rappresenta un valore aggiunto importante per un corso universitario. Gli studenti possono avere un contatto diretto con esempi concreti e vedere quindi un’applicazione delle teorie apprese in aula. I professionisti del network Smartourism propongono ogni anno nuove e stimolanti lezioni che contribuiscono all’arricchimento formativo e personale degli studenti universitari”.